maradona 10 pesos
 

Diego Maradona prende posizione per il diritto all’autoproduzione di cannabis a scopi terapeutici. L’ex campione argentino si è espresso in un video messaggio realizzato per conto dell’associazione medica pro-cannabis La Semilla. 

Sosteniamo l’auto-coltivazione in modo che i nostri figli vivano meglio, abbiano una qualità di vita molto migliore di noi”, ha detto Maradona nel video diffuso dall’associazione stessa.

La dichiarazione de El pibe de oro arriva in un momento di dibattito in Argentina. Il mondo politico sta infatti dibattendo l’opportunità di cambiare la legge sulla cannabis terapeutica in vigore ammettendo anche la possibilità per i malati di coltivare legalmente cannabis per le proprie necessità mediche.

L’attuale legge, approvata nel 2017, autorizza diverse entità statali a produrre marijuana per scopi terapeutici, ma non permette la coltivazione individuale.

Maradona non è certo nuovo ad assumere posizioni politiche coraggiose e controcorrente, senza poi nascondere ipocritamente il suo passato con droghe ben più pesanti. Anche se in questo caso di è parlato di doti nettamente diverse rispetto alle altre droghe: “Ci siamo incontrati e ha mostrato grande curiosità per le proprietà mediche della cannabis, delle quali aveva ammesso di non sapere molto – ha dichiarato l’attivista antiproibizionista Valeria Salech – rimanendo molto colpito dai risultati della cannabis nel trattamento dell’autismo dei bambini”. El Pelusa stesso, infatti, ha un figlio di appena sei anni con problemi di autismo, Diego Fernando.

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

FIP, stagione conclusa per i campionati regionali di basket

“The English game”, la serie sui pionieri del calcio

Chi erano gli idoli dei grandi campioni?

La Ferrari potrebbe produrre respiratori per l’emergenza Coronavirus

Milan, positivi al Coronavirus Paolo e Daniel Maldini

WTA e ATP annunciano una sospensione fino al 7 giugno

Loading...