giocatori-iraniani-espulsi-nazionale
 

La loro colpa? Giocare contro una squadra israeliana

Si tratta del capitano (ormai ex potremmo dire) della nazionale dell’Iran, Ehsan Haji Safi e del centrocampista Masoud Shojaei, espulsi a vita dalla propria nazionale rei di aver giocato con la propria squadra di club, i greci del Paniōnios, contro gli israeliani del Maccabi Tel-Aviv nel solo match di ritorno valido per il terzo turno di qualificazione in Europa League.

La partita incriminata è stata giocata lo scorso 3 agosto in Grecia, allo Stadio di Nea Smyrni, dove la compagine dei due giocatori è stata sconfitta, proprio come per l’andata in Israele, per 1 a 0. All’andata (partita del 27 luglio scorso ndr), tra l’altro, i due avevano ricevuto una multa dal proprio club per essersi rifiutati di giocare la partita.

Più dettagliatamente, la loro colpa è essere entrati in campo violando una legge della Repubblica Islamica dell’Iran che non riconosce l’esistenza di Israele e che impedisce ai suoi atleti di competere in qualsiasi disciplina contro una squadra israeliana.

Entrambe i giocatori sono molto popolari nel Paese, e la vicenda è giunta fin negli uffici della FIFA. La Nazionale iraniana, allenata dal portoghese Carlos Queiroz, è la terza selezione a staccare già il biglietto per Russia 2018 dopo aver vinto per 2 a 0 contro l’Uzbekistán. Sulla questione la FIFA aprirà un’investigazione alla Federcalcio iraniana per l’intromissione dello Stato e della politica nello sport.

 

Ultime dalla Piazzetta

Una playlist di Spotify per gli amanti del videogame FIFA

NBA, Amir Johnson beccato col cellulare in panchina

Formula E, al GP di Roma le colonnine elettriche alimentate a gasolio!

La Roma vieta ai giocatori di scattare selfie con Drake

I dieci centrocampisti centrali migliori al mondo ancora in attività

Joao Felix, talento del Benfica, fu scartato dal Porto perché troppo “magro”