contestazione donnarumma polonia

“Dollarumma” e lancio di soldi falsi

Gli azzurrini di Gigi Di Biagio erano impegnati nella partita d’esordio contro la Danimarca all’Europeo under-21. Partita vinta 2-0 con una fantastica rete di Lorenzo Pellegrini, neo acquisto della Roma, ed Andrea Petagna, entrambe nella ripresa.

“Dollarumma” era lo striscione che hanno appeso in Curva alle spalle del portierino (sicuramente per un altro anno) del Milan, con consecutivo lancio di dollari. A raccontarlo a Radio Sportiva è Roman Sidorowicz, uno degli appartenenti al Milan Club Polonia, che ha percorso insieme ad altri componenti 300 km da Varsavia a Cracovia solo per mettere in atto la protesta.

Per aspettare un’altra partita del Milan ci vogliono mesi, e poi non si sa se Donnarumma giocherà un’altra partita col Milan. […] Siamo partiti da Varsavia con altri ragazzi e membri del consiglio direttivo del club per questa protesta. Ci siamo sentiti offesi. Aveva baciato la maglia, aveva detto che il Milan era la sua squadra del cuore, poi però non ha rinnovato: per tutti i milanisti questa è una grande offesa“.

La situazione Donnarumma

Nel frattempo la situazione sul suo rinnovo col Milan, si complica. Il suo agente, Mino Raiola, ha indetto una conferenza stampa nel quale ha dichiarato di non aver digerito bene i comportamenti da parte della dirigenza, gridando al “mobbing”.

E iniziano ad arrivare i primi segnali di gradimento da parte delle grandi, Marotta e Florentino Perez su tutti, e anche le prime parole d’appoggio da parte di colleghi, come quelle di Paul Pogba: “Merita solo rispetto per quanto fatto”.

Seppur velatamente, anche parte della tifoseria milanista, la Curva Sud, si schiera col portiere di Castellammare, e in comunicato ufficiale dice: “Sappiamo che negli ultimi giorni deve essere stato difficile, per il ragazzo difendersi dalle migliaia di critiche e insulti che avrà ricevuto, ma quando si giura amore e si tradisce, la situazione non può che essere questa. Sui social molto probabilmente la mano è stata molto caricata, e ovviamente non riteniamo corrette le eventuali minacce, che nulla hanno a che fare con la nostra presa di posizione.
Crediamo possa ancora esserci la possibilità di rifarsi, ma è ormai legata all’estromissione dai suoi affari di chi lo ha spinto a farsi del male, rovinandogli l’immagine.

I calciatori passano, Noi ed il Milan restiamo sempre.”

«Il no resta no, ma se il Milan chiama io ho il dovere di ascoltare», con queste parole si può riassumere il Raiola-pensiero che, pronto detto, vengono replicate dal club tramite portavoce, Fassone: «I canali sono aperti, magari la vita ci riserva qualche sorpresa. Saremmo felici se Gigio riflettesse sulla sua decisione e ci comunicasse che ha piacere di riprendere questa discussione. Sono convinto che i tifosi lo riaccoglierebbero a braccia aperte. La Juve? Mi auguro che oltre al danno non ci sia la beffa…».

Ma ormai questi sono fatti noti, attendiamo i risvolti sperando il tutto si possa risolvere al meglio per Gigio. Un giovane talento del calcio italiano non dovrebbe andare sprecato e questo, per quanto discutibili possano essere i suoi atteggiamenti, il buon vecchio volpone di Nocera lo sa.

 

 

Ti potrebbe interessare

Turno infrasettimanale di Serie A: mercoledì ricco di big match

Mourinho, chi è il miglior giocatore che abbia allenato?

Barcellona-Juventus: troppo Messi per Dybala e Co.

Champions League: al Camp Nou sfida tra stelle

Settore Giovanile e Scolastico: i numeri del ReportCalcio 2017

In Germania i tifosi non sembrano essere contenti