Chinese Super League
 

L’ex capitano del Napoli ai microfoni di Sky Sport ha parlato delle difficoltà che ha nell’ambientarsi al Dalian Yifang: “Cerco di dare il meglio ma non mi ero mai trovato in una situazione tanto complicata, non sono soddisfatto. Vorrei comunicare con i miei compagni, ma non riesco a causa della lingua e cerco di farmi capire a gesti

L’avventura di Marek Hamsik in Cina sembra quindi non essere iniziata nel migliore dei modi. Arrivato nel mese di febbraio al Dalian Yifang dopo un lungo tira e molla alla fine del calciomercato in Europa, il centrocampista slovacco non è ancora riuscito ad ambientarsi nella sua nuova realtà cinese. Svariate sono le motivazioni che non hanno permesso all’ex capitano del Napoli  – che da quando è in Chinese Super League non ha ancora segnato ed servito solo un assist – di esprimersi al meglio, prima fra tutte la lingua, forse il limite più invalicabile.

Parlando al network televisivo CCTV, Hamsik ha infatti sottolineato la sua difficoltà nel farsi capire dagli stessi compagni di squadra.

Parole chiare quelle dell’ex Napoli, che addirittura non è stato nemmeno convocato in una delle ultime gare di campionato, qualla persa dalla sua squadra contro il Beijing Guoan con il risultato di 4-1: “Non sono per niente soddisfatto delle mie prestazioni – ha ammesso lo slovacco  – ovviamente cerco sempre di dare il massimo ma non mi è mai capitato di trovarmi in una situazione tanto complicata. Vorrei comunicare con i miei compagni, ma non riesco a farlo a causa della lingua. Quindi cerco di farmi capire a gesti”.

Alla fine dell’intervista Hamsik parla della sua sorpresa per l’elevato numero di falli commessi in Chinese Super League e dal tempo perso discutendo con gli arbitri durante le gare, sottolineando poi la sua voglia di rivincita: “Mi rendo conto che c’è una grande differenza tra il calcio cinese e quello che si gioca in Europa – ha concluso -, io però voglio adattarmi al più presto. Sia in campo che fuori è molto importante la serietà, per questo cercherò sempre di dare il mio meglio“.

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

Stadi di Subbuteo, tra gioco e modellismo

MMA, la classifica dei fighter dal migliore al peggiore

Perché Messi cammina i primi minuti di partita?

Dybala: “Giocare con CR7 e Messi è un vantaggio per me, posso studiarli ogni giorno”

David Villa: “Ho avuto fortuna, sono stato felice!”

Presidente FIGC femminile: “Le pari opportunità nel 2020 sono dovute”

Loading...