De Gea e Real Madrid, un colpo mancato

Un po’ di confusione sugli orari e sulle inottemperanze, e giù di scarica barile tra Red Devils e Galacticos sulla faccenda De Gea.
Qui cercheremo di riportarvi tutti i punti salienti della diatriba, cercando di farlo minuto per minuto, ovviamente quelli più salienti, ascoltando le cosiddette due campane.
Il fatto è questo, statemi a sentire:

MADRID – Fino al mattino del 31 AGOSTO lo United non aveva aperto alcuna via di negoziazione.
MANCHESTER – Non hanno ricevuto alcuna offerta fino ad ora di pranzo.

MADRID – La mattina del 31 agosto lo United accetta di negoziare, chiedendo in cambio Keylor Navas. Nonostante la difficoltà dell’operazione, i Galacticos accettano di intavolare una discussione. E dopo aver trovato un accordo inviano i contratti alle 13.39 (ora spagnola continentale).

MANCHESTER – Il club dice di aver ricevuto la documentazione solo alle 21:42 e solo alle 23:32 quella completa di De Gea.

MADRID – Alle 21:43 hanno ricevuto i contratti dal Manchester con alcune modificazioni, giudicate irrilevanti dal club madrileno e dunque subito accettate.
Alle 23:32 dopo aver ottenuto la firma di entrambe i giocatori, sono stati inviati i contratti al club inglese.
Alle 23:53 il club inglese raggiunge un accordo con Keylor Navas.

MANCHESTER – Alle 23:40 alcuni cambi nel contratto pregiudicano l’esito dell’operazione, alle 23:55 ricevono comunque dal Madrid i documenti necessari allo svincolo di De Gea.
Solo alle 23:58 lo United riceve la documentazione completa, inclusa quella per il trasferimento di Keylor Navas.

MADRID – Alle 00:00 i documenti di Keylor Navas non erano ancora stati ricevuti, arrivati poi alle 00:02, quando i sistemi di trasferimento della Fifa (TFS – Transfer Matching System) erano ormai chiusi.
Alle 00:26 la Fifa notifica ai blancos di completare i dati per il transfer di De Gea, dato che il termine di iscrizione in Inghilterra sarebbe scaduto solo ieri.
Nonostante in Spagna il mercato sia già chiuso, i Galacticos depositano comunque i documenti in Lega (LFP), quando ormai è troppo tardi.

In sintesi: ennesima storia di un amore mai sbocciato di fine estate, in cui ognuno dice la sua e solo dio sa come siano andate le cose. Ma questa è una delle tante storie di calciomercato e di mancati trasferimenti.

 

Ultime dalla Piazzetta

“Tieniti in Forma”: il progetto in provincia di Salerno per giovani calciatori

Calciomercato: i 10 maggiori movimenti dal 2000 al 2010

Mack Beggs, il Wrestler Transgender campionessa del Texas

Serie D 2019/20: tutte le squadre regione per regione

Serie B e C: è caos tra club a rischio e ripescaggio

L’avvocato di Maradona parla sulle sue condizioni di salute

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *