real madrid
 

Tempo di Lettura: 4 minuti

La quarantena ti lascia tempo per riflettere, per progettare e studiare soluzioni da adottare in futuro. Di tempo libero ce n’è in quantità industriale, soprattutto per chi non ha figli piccoli da accudire, come nel caso di Zinedine Zidane. Il francese però ha anche un altro problema: ha 37 ragazzi da gestire a distanza, tra giocatori della rosa del Real Madrid attuale e quelli in prestito in giro per l’Europa.

Proprio per questo i conti vanno fatti bene, in accordo con la dirigenza, perché la pandemia di coronavirus avrà comunque un effetto negativo sulle rigogliose casse della Casa Blanca, che sta incominciando a pensare a un rimedio che non sarà la cassa integrazione, secondo El Pais, ma una soluzione stile-Juve, con i giocatori che potrebbero accettare una riduzione degli stipendi per i mesi in cui il campionato sarà ancora fermo.

Bale
© www.fotmob.com

TAGLI IN VISTA. Poi, però, sarà il caso di tagliare sul serio, perché in rosa ci sono svariati giocatori di cui Zidane, inutile nasconderlo, farebbe volentieri a meno. A cominciare da Gareth Bale, che ha il contratto in scadenza nel 2022 e un ingaggio tra i più alti della rosa, sui 15 milioni netti a stagione senza considerare i bonus. Al gallese (solo 18 presenze nella stagione e 3 reti) si aggiunge James Rodriguez (2021), inseguito per un’estate da Napoli e Atletico Madrid, ma rimasto in blanco. In tutti i sensi, perché le presenze sono state finora con il contagocce e le panchine tante. In lista d’attesa Lucas Vazquez (28) e Modric (34), entrambi in scadenza nel 2021. E poi c’è il caso Marcelo (31),

il cui contratto – anche questo pesante – scade un anno dopo, ma pronto a cambiare aria dovesse persistere il suo stato di “riserva di Mendy”. A rischio anche Jovic, finora deludente e al centro delle critiche per il suo viaggio in Serbia in questo periodo di quarantena. Si cercherà una soluzione anche per dare il via libera a Mariano e Brahim Diaz, esuberi già dall’inizio della stagione.

VOLVER. Torneranno dai prestiti un bel po’ di giocatori. Il norveegse ventunenne Martin Odegaard ha un altro anno di contratto con la Real Sociedad, ma il Real Madrid può richiamarlo alla base previo conguaglio.

Alla lista si aggiungono Ceballos dall’Arsenal, Vallejo dal Granada, Achraf dal Borussia Dortmund, Odriozola dal Bayern Monaco, Kubo dal Maiorca, Oscar Rodriguez dal Leganes, Reguilon dal Siviglia, Borja Mayoral dal Levante, senza considerare altri 5-6 canteranos in giro per la Segunda Division, tra cui Luca, portiere e figlio di Zidane, in prestito al Racing Santander, ultimo in classifica. Con molti di questi il Madrid proverà a monetizzare, per poi partire all’assalto di qualche “galactico” e arrivare a quota 25 giocatori in rosa, il massimo consentito da La Liga.

 
 

Tempo di Lettura: 4 minuti

 

Ultime dalla Piazzetta

Pallavolo: stilato il protocollo per il ritorno della Serie A

L’uomo che ha scritto l’inno della Champions League

Marcelo e altri campioni che hanno scelto un orologio Casio

Il film hard sui Mondiali di Cicciolina e Moana Pozzi

Il Ministro Spadafora e il pubblico negli stadi, ecco quando si ritornerà a tifare

Serie D, presunta combine tra Picerno e Bitonto

Loading...