europa calcio
 

Joao Felix è stato prontamente riconosciuto come uno dei migliori e più giovani talenti del calcio mondiale, ma non è sempre stato così semplice per il talentuoso diciannovenne lusitano.

Nato a Viseu, nel cuore del Portogallo, Felix fu selezionato nella famosa accademia del Porto, dove milita per sette anni prima di ricevere brutte notizie. Infatti il giovane lusitano all’età di 14 anni fu malamente scartato per avere una “corporatura leggera”,  una delle scuse più comuni utilizzate dai settori giovanili per “scaricare” i calciatori.

Un duro colpo che però lo ha portato da un grande club, Porto, ad un altro con altrettanto blasone, il Benfica. Nel 2015 poi, dopo essersi distinto nelle giovanili e nella squadra B (la “Primavera”), Felix, ora con 14 gol nel suo score, è uno dei primi nomi sul taccuino di Bruno Lage, tecnico del Benfica.

Qualche notte fa all’Estadio da Luz, Felix ha dato spettacolo con una straordinaria tripletta e un assist in soli 54 minuti giocati. Il secondo gol del giovane portoghese era un razzo troppo difficile da parare per Kevin Trapp prima che potesse completare la sua tripletta è anche scoppiato in lacrime per l’incredulità. Forse la fine di un calvario per lui, e l’inizio di una storia straordinaria per i tifosi non solo della squadra di Lisbona ma anche per gli amanti del calcio.

E i paragoni già si sprecano, “il Nuovo Cristiano Ronaldo“, il suo “erede“. Sta di fatto che Felix non aveva mai segnato un gol europeo fino a giovedì sera, ed ora è il giocatore più giovane a segnare una tripletta in Europa League. Niente male!

Basta prestare molta attenzione ai suoi numeri per capire perché Juventus, Manchester United, Barcellona e Real Madrid sono solo alcuni dei grandi club sulle sue orme, che ha una clausola rescissoria di 120 milioni di euro nel suo contratto.

Oltre la lungimiranza del Benfica e le voci di mercato, qualcosa ci dice che il Porto potrebbe finire per rammaricarsi della sua decisione di scartarlo quando, forse, avrebbe potuto scrivere una pagina della loro storia.

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

Stadi di Subbuteo, tra gioco e modellismo

MMA, la classifica dei fighter dal migliore al peggiore

Perché Messi cammina i primi minuti di partita?

Dybala: “Giocare con CR7 e Messi è un vantaggio per me, posso studiarli ogni giorno”

David Villa: “Ho avuto fortuna, sono stato felice!”

Presidente FIGC femminile: “Le pari opportunità nel 2020 sono dovute”

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *