figc nazionale
 

ROMA – Secondo quanto riportato da ANSA, questa mattina alla Camera si è riunita la Commissione cultura per discutere su un emendamento che potrebbe cambiare il modo di intendere una società sportiva in Italia.

Dopo mesi di lavoro e ascolto, stamattina la Commissione cultura della Camera ha dato il via libera a un emendamento contenuto nel Ddl collegato sport che introduce forme di partecipazione popolare e azionariato diffuso nelle società di calcio“, ha presentato così questa novità in Commissione il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Simone Valente.

Simone Valente – © ANSA

Un passo in avanti che avvicinerebbe l’Italia all’Europa, e ancora di più alla Spagna, dove i due più grandi club iberici (e del Mondo), Real Madrid e Barcellona, hanno una forma societaria composta proprio in questo senso.

Un emendamento che ha del rivoluzionario e che sarà proficuo per tutto il sistema calcio, come aggiunge Valente, sempre a margine della Commissione cultura: “L’emendamento vuole dare il via a un percorso culturale diverso nel calcio professionistico, che favorisca la coesione sociale e la partecipazione dal basso dei tifosi nella vita dei club, avendo ben presente la realtà italiana. Così si metteranno al centro le comunità di tifosi, responsabilizzandole e facendole diventare parte integrante di un processo già sperimentato altrove in Europa anche sul fronte della legalità. […] Con la delega a questa proposta, cui il Governo darà attuazione, abbiamo posto un primo e importante tassello per sviluppare anche in Italia questo modello positivo”.

 
 
 

Ultime dalla Piazzetta

Universiadi 2019: tutto pronto allo Stadio San Paolo

Denunciato il sosia di Messi: ha adescato 23 donne con l’inganno

Didier Drogba votato come il miglior calciatore africano di sempre…

Polemiche sull’inizio dell’avventura nel calcio femminile del Real Madrid…

Una Ferrari è la prima “opera d’arte” su ruote…

Calcioscommesse: caos Serie D, calciatori indagati per presunta combine

Loading...

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *