Calcio Internazionale
Kashima Antlers
Foto dal web

 

I primi asiatici ad arrivare in finale

 

Il Real Madrid, dopo aver vinto 2-0 contro i messicani del Club America, li incontreranno nella finale del Mondiale per Club una squadra che funge da padrone di casa e superstite.

I giapponesi dei Kashima Antlers hanno liquidato i neozelandesi degli Auckland City (2-1), i Sundowns Mamelodi del Sud Africa (0-2) e i colombiani dell’Atletico Nacional de Medellin (0-3).

La squadra di Masatada Ishii ha messo fuori tre campioni continentali. Un successo inaspettato per un grande club in Giappone.

Una squadra con ‘corna’

logo kashima antlers
Foto dal web

Il team di Kashima Antlers riceve il nome della città giapponese, la cui traduzione è ‘Isola dei Cervi‘. Il santuario di Kashima da millenni allevano questo animale, essendo un simbolo spirituale.

Un’emblema locale posto sullo scudetto del club che è stato fondata sotto la protezione della Sumitomo Metal FC nel 1947, nome che aveva nel campionato semi-professionale giapponese, per poi essere rifondata come Kashima Antlers nel nuovo campionato professionistico nel 1992.

Periodo in cui è cominciato il suo successo.

 

Come l’Inter, non sono mai stati in Serie B

Kashima Antlers e Yokohama Marinos sono gli unici due club in Giappone che non sono mai scesi in seconda divisione.

Nelle 24 stagioni che sono state giocate da quando il campionato giapponese è diventato MONDIALI PER CLUB | Sei cose sui Kashima Antlers, i primi asiatici ad arrivare in finale sono sempre stati nell’elite.

La squadra con il maggior numero di campionati

I campioni in carica della Lega giapponese è la squadra che ha cantato vittoria più volte nel calcio professionistico giapponese.

Otto campionati è il loro record. E ‘stato il primo club ha fare un triplete (Lega, Coppa di Lega e Coppa dell’imperatore) nel 2000.

Nel 2008 è stato il primo club a raggiungere i 10 titoli nazionali e nel 2009 ha vinto il suo terzo campionato di fila. Nessuno in Giappone ha superato i suoi 18 trofei locali.

E il duello Giappone-Sud America, la Bank Championship Suruga, che decreta il campione del Giappone e della Copa Sudamericana, il Kashima lo ha vinto nel 2012, 2013 e perso nel 2016 contro Santa Fe.

Zico ha universalizzato il club

Il genio brasiliano atterrò a Kashima nel 1991, quando il calcio in Giappone ha cominciato a professionalizzarsi, e per distinguersi, giocò tre anni segnando 45 gol.

Poi è passato in panchina e ha guidato il club nel 1999. Altri talenti del Brasiliani come Jorginho, Leonardo è passato per il club.

E Toninho Cerezo è stato loro allenatore per ben due volte (2000-2005 e 2013-2015).

Prima finalista asiatica

Il Kashima ha fatto storia. Si è qualificato per il Mondiale per Club come campione del paese ospitante il torneo.

È la seconda squadra ospite a raggiungere una finale di Coppa del Mondo, dopo la squadra marocchina del Raja Casablanca nell’edizione del 2013, e la prima squadra asiatica che riesce a raggiungere l’ultima partita.

 

hawk-eye mondiale per club
Foto dal web

 

La prima squadra a beneficiare del hawk-eye

E per di più con errore. Infatti nella partita che ha sancito la vittoria per 3-0 sui colombiani dell’Atletico Nacional de Medellin, l’arbitro ungherese Kassai si avvale del supporto video su un’azione dubbia da calcio piazzato, fischiando il rigore in favore dei giapponesi.

Ma a ben vedere non sembra esserci contatto. Male la prima per la nuova tecnologia.

 

Fonti: FIFA, The Sport Bible, Mundo Deportivo

Ti potrebbe interessare

I vincitori dei guanti d’oro ai Mondiali: dal 1930 ad oggi

Dramma in Argentina: ucciso il portiere Facundo Espíndola

Maradona si ripropone per la panchina della selección: “Lo farei gratis!”

A Bibione si svolgerà la Beach Volley Marathon

Di padre in figlio: le dinastie del calcio

Il calcio e il difetto dell’età