Champions League

 

Già ai tempi della Lazio lo svizzero Stephan Lichtsteiner aveva mostrato buone doti dal punto di vista caratteriale. La sua presenza in campo si fa sentire, e non solo quando fa da pendolino sulla fascia, ma anche e soprattutto agli avversari. È un giocatore che più che muscoloso, sembra avere nervi e muscoli ben saldi, e qualche volta non disdegna anche nell’utilizzo di trucchetti che sfuggono agli arbitri.

L’approdo alla Juventus gli è servito ad affinare questa tecnica, anche grazie a un reparto difensivo con il quale condividere certi trucchetti, leggasi Chiellini.

Nella partita di Champions League vinta contro il Malmo, a fine partita un giocatore degli svedesi sottolinea una piccola scorrettezza da parte dello svizzero: “Lichtsteiner mi ha dato un pugno in mezzo alle gambe, proprio nelle parti intime.

A dirlo è stato Konate, giocatore del Malmö che lo ha dichiarato a una tv svedese nel post partita con queste parole: “Le immagini parlano chiaro, ero a terra inerme e lui mi ha dato un pugno.  Gli ho chiesto cosa diavolo stava facendo e lui mi ha guardato senza dire una parola. Non ho reagito perché non è nel mio stile, ma forse avrei dovuto farlo” ha chiosato lo svedese.

 

Ti potrebbe interessare

I vincitori dei guanti d’oro ai Mondiali: dal 1930 ad oggi

Dramma in Argentina: ucciso il portiere Facundo Espíndola

Maradona si ripropone per la panchina della selección: “Lo farei gratis!”

A Bibione si svolgerà la Beach Volley Marathon

Di padre in figlio: le dinastie del calcio

Il calcio e il difetto dell’età