el clasico

Statistiche “El Clasico”: fattore campo nullo tra Real Madrid e Barcellona

Quello che una volta era un’anomalia è diventato un evento comune nella partita per eccellenza ne “La Liga” degli ultimi anni: il fattore campo sembra sempre meno determinante. Negli ultimi tre campionati, né il Barça né il Real Madrid sono stati in grado di imporsi come squadra locale contro il loro eterno rivale.

Il prossimo “Clasico” avrà anche un sapore diverso, dato che non ci sarà né Messi né Cristiano Ronaldo, e si gioca al Camp Nou, ma soprattutto va sottolineato che i blancos in terra nemica non perdono da tre anni: una vittoria (1-2 nella stagione 2015-16) e due pareggi (1-1 nel 2016-17 e 2-2 nel 2017- 18). Ma chi ha fatto di meglio è proprio il Barça, che nello stesso periodo è riuscito a fare tre vittorie consecutive al Santiago Bernabéu, due delle quali abbastanza pesanti: 0-4 (2015-16), 2-3 (2016-17) e 0- 3 (2017-18).

Facendo un’analisi dell’ultimo decennio, con l’egemonia del Barça in generale (40 punti su 60 possibili per i 16 del Real Madrid), è sorprendente vedere che le due squadre hanno fatto più punti in in terra nemica che nei loro rispettivi stadi.

La squadra azulgrana ha ottenuto 22 di quei 40 punti al Santiago Bernabéu, dove hanno perso solo due delle ultime dieci partite (2-1 nella stagione 2012-13 e 3-1 nella stagione 2014-15), con sette vittorie dal mitico 2-6 (2008-09) e solo un pareggio (1-1 nel 2010-11).

Da parte sua, il Real Madrid ha ottenuto 9 di questi 16 punti nel Camp Nou, contro i 7 fatti davanti ai loro tifosi nell’ultimo decennio.

È difficile credere che la pressione ambientale, che esiste in qualsiasi partita, non solo nei Classici del calcio spagnolo, influenzi la squadra che gioca come in casa, perché tutti i giocatori hanno esperienza e qualità per superare qualsiasi tipo di scenario emotivo.

Sì, è possibile che Barça e Madrid abbiano trascurato le proprie fasi difensive nei rispettivi stadi attaccando con tutte le loro forze. Nelle rispettive rose contano giocatori così decisivi, che se gli viene lasciato spazio, di solito non perdonano.

In questo senso, Leo Messi è ancora un giocatore de La Liga, anche se non potrà essere della partita per infortunio, mentre Cristiano Ronaldo la seguirà dall’Italia, probabilmente nella sua nuova casa di Torino.

Sarà necessario vedere quale impatto avranno le assenze dei due in questo nuovo capitolo di una partita nella quale il fattore di campo sembra essersi ormai alterato.

I “Clásicos” negli ultimi 10 anni

Liga 2008-09

Barça-Madrid (2-0) y Madrid-Barça (2-6)

Liga 2009-10

Barça-Madrid (1-0) e Madrid-Barça (0-2)

Liga 2010-11

Barça-Real Madrid (5-0) e Madrid-Barça (1-1)

Liga 2011-12

Madrid-Barça (1-3) e Barça-Madrid (1-2)

Liga 2012-13

Barça-Madrid (2-2) e Madrid-Barça (2-1)

Liga 2013-14

Barça-Madrid (2-1) e Madrid-Barça (3-4)

Liga 2014-15

Madrid-Barça (3-1) e Barça-Madrid (2-1)

Liga 2015-16

Madrid-Barça (0-4) e Barça-Madrid (1-2)

Liga 2016-17

Barça-Madrid (1-1) e Madrid-Barça (2-3)

Liga 2017-18

Madrid-Barça (0-3) e Barça-Madrid (2-2)

Partite: 20

Punti del Barça: 40 (12 V, 4 P y 4 S)

18 in casa e 22 fuori casa

Punti del Madrid: 16 (4 V, 4 P y 12 S)

7 in casa e 9 fuori casa

Ti potrebbe interessare

Perché le tifoserie di Napoli e Genoa sono gemellate?

Dietrofront di Mayweather, non combatterà in MMA il 31 Dicembre

Floyd Mayweather combatterà in MMA… in Giappone!

Football Leaks, Fair play finanziario: accordo tra PSG e UEFA

Football Leaks: esiste già un accordo tra 16 società per la SuperLega

Perché il Barcellona non riesce a riempire il suo stadio?